NICOLA BERTELLOTTI

Nicola Bertellotti nasce a Pietrasanta nel 1976. Dopo aver studiato Storia all’Università di Pisa comincia a viaggiare per il mondo cercando di riscoprire la gloria passata di luoghi dimenticati. Quel che emerge nella sua estetica è la nostalgia del paradiso perduto, espressa nell’amore per le rovine, e la riproposizione in chiave fotografica della poetica decadente. Autodidatta, scatta le sue immagini alla luce naturale utilizzando una fotocamera digitale di medio formato. Dal 2013 ha esposto in numerose mostre in Italia e all’estero. Nel 2014 ha pubblicato il libro Fenomenologia della Fine, per la casa editrice Petrartedizioni e viene invitato al Museo del Tessile di Busto Arsizio per inaugurare il Festival Fotografico Europeo con Damnatio Memoriae, una serie di vedute che indagano il concetto romantico di sublime. Nel 2016, ispirato dal paesaggista francese Gilles Clément, realizza un nuovo progetto sugli spazi indecisi che si trovano ai margini, fuori dalle mappe del nostro paese, che culminerà nella personale Hic Sunt Dracones a Castel dell’Ovo di Napoli. Nello stesso anno il Museo d’Arte Contemporanea Limen di Vibo Valentia arricchisce la sua collezione con Blue Eye, una sua opera. Nel 2018 vince i Moscow Photo Awards nella sezione architettura ed è finalista al premio Arteam Cup e agli Urban Photo Awards. Nel 2019 il Pärnu Museum in Estonia gli dedica la mostra The Great Beauty, l’omaggio del fotografo alla grande bellezza abbandonata italiana. Nel 2020 vince il Concorso Internazionale Festival del Tempo e il contest Prospettiva Riuso. Nel 2021 espone per la prima volta negli Stati Uniti, l’Estella Gallery di New Orleans ospita infatti una selezione di scatti del suo ultimo Gran Tour alla ricerca di rovine moderne : Paradiso Perduto – The beauty of imperfection. Sempre nel 2021 è nel cartellone ufficiale del Brescia Photo Festival con Sipario, un progetto sull’abbandono dei luoghi di cultura. Fra le collettive ha partecipato a : Draumur, Zenzero Art Gallery a Lugano nel 2016; Requiem, Mirabilia Art Gallery a Roma nel 2019; Remember Rekorda, Contemporary Cluster a Roma nel 2020; Tutto in un abbraccio, Galleria Sensi Arte a Colle di Val d’Elsa nel 2021. I suoi lavori sono presenti in diverse collezioni pubbliche e private e sono apparsi su prestigiose riviste, tra le quali : Esquire, Arte, Artedossier, Elle Decor, Lampoon, Bild, Daily Mail, Milieu Magazine.

Visualizzazione di 7 risultati